Archivio per la categoria ‘14 FIJI’

FIJI

Pubblicato: 17 settembre 2012 in 14 FIJI

5 Agosto 2012

Bastano poche ore di aereo e ci catapultiamo nel caldo delle isole tropicali del pacifico! Siamo alle Fiji e ad accoglierci sono tre uomini con chitarre e ghirlande…proprio come nei film!!! Ci troviamo nella città di Nadi nell’isola principale Viti Levu. La nostra idea è quella di affittarci un motorino e girarci l’isola per due settimane, ma prima abbiamo bisogno di un letto! Ci riposiamo un po’ e usciamo per la città per cercare di capire come muoverci. Capiamo subito che i costi non sono come quelli asiatici, sono più alti e girare l’isola in motorino è impossibile perché la maggior parte delle strade nell’interno non sono accessibile e noleggiare un fuori strada è praticamente impensabile. Che facciamo? Andiamo in spiaggia e la sabbia e l’acqua sono di color nero…che facciamo? Ci propongono di andare in un isola in una sistemazione economica. Ci prendiamo la notte per riflettere.

6 Agosto 2012

Venire alle Fiji e non godersi le spiagge bianche e l’acqua limpida è impensabile! E rimanere 15 giorni a Nadi è da esaurimento, alla fine è una piccola città! Così decidiamo di andare una settimana sull’isola di Mana.

7 Agosto 2012

Ci facciamo un giro per il mercato locale anche per comprare l’acqua da portare sull’isola. I fijiani sono solari e amichevoli. Ridono, ridono e scherzano tra di loro, la fisionomia si avvicina tantissimo a quella africana e gli  uomini sono molto belli. Quasi la metà della popolazione è indiana e una piccolissima parte cinese. Invece la maggior parte dei fijani che vivono a Viti Levu provengono dalle tante e piccole isole intorno ( Le Fiji sono formate da 320 isole!). Prima dell’indipendenza era una colonia Inglese per cui la maggior parte parla inglese e nella monete corrente c’è ancora la regina.

8 Agosto 2012

Si parte, 2 ore di motoscafo e ci troviamo in un paradiso tropicale. L’isola di Mana che fa parte del gruppo delle isole di Mamanuca insieme all’isola in cui hanno girato Casthaway con Tom Hanks. La giornata non promette, da quando siamo partiti piove a di rotto e non c’è speranza che cessi. Rimaniamo bloccati nell’ostello e il tempo fa difficoltà a passare. Un altro giorno così è impossibile! Finalmente arriva la sera ma piove ancora, andiamo a dormire speranzosi!

9 Agosto 2012

Sole! Dopo aver piovuto fino alle 5 di mattina, finalmente è uscito il sole. Il mare è assolutamente cristallino e ci facciamo il giro di perlustrazione dell’isola. L’isola è piccola, la si percorre in due ore al massimo. Vicino la spiaggia c’è la barriera corallina ed è perfetto per fare snorkeling. La sera c’è sempre animazione e noi più che partecipare preferiamo guardare e farci un mucchio di risate (alle spalle degli altri, che ignoranti!!!)

10 Agosto 2012

Come delle volpi abbiamo lasciato la macchinetta fotografica accesa ed ora è completamente scarica e il carica batterie si trova a Nadi. Non c’è speranza! Conosciamo una coppia di Argentini e per fortuna ci passano loro le foto. La cosa bella del nostro ostello è che si trova proprio dentro il villaggio dell’isola per cui stiamo insieme alla gente del posto, sembra quasi di stare dentro una grande famiglia.

11 Agosto 2012

Altra giornata di snorkeling e di sole. I coralli e i pesci tropicali sono molto belli ma molto diversi rispetto alla Thailandia dove in cinque metri potevi osservare un numero di specie nettamente superiore. Passeggiando vediamo anche una chiesetta sul mare, qui alle Fiji la gente si viene a sposare, va molto di moda.

12 Agosto 2012

Giornata fortunata, oggi durante uno snorkeling di 2 ore a 500mt dalla spiaggia, accompagnati da un canadese conoscitore del posto, si sono fatti vedere gli squali. La visibilità sott’acqua è buonissima e si riesce a vedere anche fino a 30 metri di profondità. La sera i ragazzi dello staff organizzano lo spettacolo del fuoco, danza tipica fijana.

13 Agosto 2012

Stiamo rilassati in spiaggia con i nostri amici Argentini, e Joe un amico del villaggio ci invita a  partecipare ad una battuta di pesca, la tecnica è molto semplice, si piazza una rete al bordo della barriera e si comincia a nuotare da lontano verso la rete, battendo le mani sull’acqua e spingendo i pesci nella rete…1 ora e la cena di pesce della famiglia di joe è nella rete. Al calare della sera, ogni sera sentiamo dal villaggio un suono metallico ripetersi per parecchio tempo. Siamo curiosi così andiamo a vedere. Praticamente ogni sera si prepara la cava: polvere giallastra derivante da una radice che cresce nelle colline e nell’entroterra fijana. Da questa polvere si ricava una bevanda dalle proprietà rilassanti e si usa di solito per riposare meglio dopo una giornata faticosa. La cava è ritenuta quasi sacra, molto importante per la tradizione e la cultura fijana e quando la si beve di solito lo si fa con tutta la famiglia o con gli amici stretti come una specie di rito sacro. La sera insieme ad un ragazzo del villaggio partecipiamo al rito della cava incuriositi anche dall’effettivo effetto di questa pianta. L’effetto dipende da quanta cava c’è nella bevanda e piano piano si addormenta la lingua e i muscoli facciali si rilassano e arriva la sensazione di sonno. Assolutamente non è una droga ma semplicemente un tranquillante naturale, a volte lo usano anche in situazioni di iper attività di un bambino!

14 Agosto 2012

Ultimo giorno sull’isola di Mana, ci godiamo le ultime nuotate  nel Pacifico. Durante questi giorni abbiamo scoperto che le isole del pacifico dall’Hawaii alla Polinesia fino alle isole Fiji hanno una cultura molto simile e infatti di solito quando parlano delle tradizioni non parlano di quelle fijane ma di quelle delle isole del Pacifico come se prima fossero tutte collegate tra di loro con un’unica strada marittima percorsa dalle loro barche di bamboo.

15 Agosto 2012

Ferragosto, invece di stare sdraiati al mare, ripartiamo. Direzione Nadi. Durante il ritorno facciamo una sorta di tour tra le isole per prendere e lasciare i turisti nei vari Resort così possiamo vedere anche l’isoal di Beachcomber e Bounty…se dovete scegliere andate a Mana!

16 Agosto 2012

La mattina facciamo spesa al mercato e nel pomeriggio prendiamo un bus locale che ci porta in un villaggio ad appena 30 minuti da Nadi, ai piedi di una delle montagne che la circonda. E’ l’ultimo villaggio raggiungibile tramite mezzi pubblici dopo di che la strada diventa impercorribile senza l’uso di un fuoristrada. Dentro il bus facciamo amicizia con un ragazzo del villaggio che lavora nell’Hilton di Nadi e ci fa da Cicerone accompagnandoci dentro il villaggio e rispondendo a tutte le nostre curiosità. La cosa che più ci ha stupito è che qui ci sono ancora cavalli e mucche allo stato selvatico e che quindi chi vuole un cavallo deve andare in montagna cercarlo e addomesticarlo! La sera ceniamo insieme alla coppia Argentina conosciuta a Mana e ci prendiamo un po’ di foto dell’isola per avere qualche ricordo.

17 Agosto 2012

Fra due giorni si parte, Los Angeles. Iniziamo a fare un po’ di ordine e come prima cosa ci tocca una montagna di panni da lavare. Ora ci troviamo nel punto più lontano del nostro viaggio a 10 ore di fuso orario. Le Fiji sono un po’ come un giro di boa, perché dopo iniziamo a riavvicinarci ma dal lato opposto, è una strana sensazione…particolare!

18 Agosto 2012

Iniziamo ad organizzarci…ma ci si mette di mezzo la febbre a 38…che rottura….risistemiamo per bene le valigie e facciamo un po’ di spesa.

19 Agosto 2012

Si parte, zaini in spalla e direzione aereoporto! Ci aspettano 11 ore di viaggio. Lungo il tragitto ci capita di fermarci per dare la precedenza al trenino dello zucchero. La più grande produzione agricola è fatta di canne da zucchero e tutti giorni passa un trenino che porta il raccolto a un centinaio di chilometri da Nadi dove viene lavorato e per arrivare ci impiega tipo 14 ore perché va pianissino. Ore 22.00…è ora di imbarcarci.

Annunci